Siamo qui per voi!Albergo e Ristorante
dal 11 maggio al 5 novembre 2023
e fuori stagione Case del Prato, Baita Sommerstall, Residenza Grünweinhof in autosufficienzaPrenota qui
Covid-19
spensierato

Le case del prato

Due sculture silenziose nel paesaggio

Nuovi spazi abitativi esclusivi completano le stanze storiche dello Zirmerhof.
Una maisonette lineare e un piccolo padiglione arrotondato. Due strutture discrete adagiate sul prato di fronte al cortile storico. Due strutture minimali che non interferiscono con la vista del paesaggio dalla terrazza e dalle altre stanze. Il desiderio di aggiungere spazi molto speciali per il viaggiatore. Due edifici semplici, dalle linee arrotondate, rivestiti con scandole di legno, due sagome che ricordano i fienili storici, che si inseriscono armoniosamente nel contesto.
Scandole, quindi, per sottolineare l'attenzione alle tradizioni che distingue lo Zirmerhof dagli altri. Le dimensioni e la consistenza dei materiali vengono elaborate con gli artigiani locali.
Aperture generose per ammirare il paesaggio con finestre dei bei tempi classici della montagna. Portici con archi in legno a tutto sesto per mettersi al passo con gli altri edifici storici. Arredi che riflettono il carattere della tradizione locale.

Due sculture silenziose nel paesaggio.

Da novembre 2019 a fine giugno 2020 sono state costruite le case del prato.

 

"Lo spirito dello Zirmerhof è davvero unico. Sarà la posizione, il paesaggio, l'edificio stesso, oppure l'aria, i mobili e l'arredamento, tutto ha un suo carattere che esiste solo lì, su questa montagna e con questa vista sulla Valle dell'Adige. Ma la valle non si vede, l'Adige non si vede, le città che la popolano non si vedono! Eppure è proprio lì sotto! Ma la posizione della mano porta lo sguardo oltre, verso le catene montuose, verso le cime delle Dolomiti, coperte di neve per la maggior parte dell'anno.

Si visita lo Zirmerhof per lasciarsi ispirare. Tutto è ispirazione. Fuori e dentro la foresta, fuori e dentro il ristorante, fuori e dentro l'albergo, ovunque l'occhio si riposi, lo spirito si riposa, si rigenera e si riprende. Basta lasciarsi andare e tutto si ricompone armoniosamente. Nulla è statico o ha un effetto letargico, ma è dinamico con un risultato rilassante e rivitalizzante.
Tutti i dettagli della natura si combinano con quelli dell'architettura che, nonostante le antiche origini, ha mantenuto negli anni la sua nobile bellezza e la sua autentica semplicità, integrando senza sforzo tutti i necessari adattamenti tecnologici.

Oggi sono stati aggiunti due piccoli edifici, proprio accanto all'ingresso sotto la terrazza del ristorante. Si tratta di due oggetti interamente in legno, espressamente pensati per non ostacolare la vista e per "arredare" il prato che si estende verso la valle. Hanno un tetto rotondo, senza spigoli o picchi, con un delicato rivestimento di scandole di larice.
Le camere si trovano al piano terra, con accesso diretto al prato, e al primo piano, accessibile direttamente dal piazzale lastricato, come è stato nei secoli. Il primo piano è allo stesso tempo anche la soffitta, proprio come nelle vecchie stalle: al piano inferiore ci sono le mucche e al piano superiore la stalla.
Tutto è in legno e tutto è stato esplicitamente progettato con una grande sensibilità per il luogo, dalle porte alle finestre, dalle pareti con il profilo curvo ai mobili. Tutto riprende l'antica filosofia dello Zirmerhof, dove ogni cosa è un dettaglio, ogni cosa merita la sua attenzione e la sua cura, in modo che ovunque si guardi, lo spirito trovi la sua pace e nulla lo disturbi."

Michele De Lucchi, gennaio 2020

 

 

Webcam der Häuser der Wiese

Baustelle

Michele De Lucchi

L'architetto e il designer con una preferenza per il legno

L'architetto e designer Michele De Lucchi è un romantico e ama le sue cravatte di seta in stile Memphis. Il suo nome è associato al gruppo milanese di design Memphis, come quello del suo ex mentore Ettore Sottsass. Michele De Lucchi, nato a Ferrara nel 1951, è stato uno dei cofondatori di questo movimento anti-design nel 1980, che si è scagliato contro le regole imperanti del funzionalismo. De Lucchi è sia designer che architetto. Ha progettato e costruito molti edifici prestigiosi, soprattutto per il presidente georgiano Mikheil Saakashvili. Inoltre, da molti anni disegna per l'azienda dell'amico Alberto Alessi, da ultimo il bollitore Plissé, ma anche per Artemide, Cassina, Danese o Riva 1920. Testo tratto da Frankfurter Allgemeine Magazin

Michele De Lucchi è venuto allo Zirmerhof su invito dell'amico Giuseppe Varchetta. All'epoca, Sepp Perwanger voleva ricostruire un'azienda agricola e gli chiese consiglio. C'era già una proposta. Una casa con enormi tegole di legno e una Fiat 500 davanti alla porta. Ma l'idea non era ancora matura nella mente di Sepp Perwanger. Ma allora!  Ora abbiamo realizzato insieme qualcosa di ancora più bello!

Michele De Lucchi è uno dei veri grandi architetti e designer del nostro tempo, dotato di grande sensibilità e di una creatività infinitamente spumeggiante. Il legno è il suo materiale preferito. E la legna è disponibile allo Zirmerhof, come sapete. Costruisce ponti a Tbilisi, alberghi in Giappone, Georgia e Shanghai. Biblioteche, chiese e molti altri oggetti in molti luoghi del mondo. Costruisce per stilisti e presidenti, ma anche per Sepp Perwanger, il locandiere, il contadino della foresta e della montagna.

È stato il suo primo progetto in Alto Adige. Michele De Lucchi è stato affiancato nell'esecuzione dall'Arch. Robert Veneri sul posto.
aMDL Studio Michele De Lucchi

L'architetto e il designer con una preferenza per il legno

I nostri alberi crescono lentamente

Tangibile con tutti i sensi

L'amore per la foresta esiste allo Zirmerhof da generazioni. A questa altitudine, la nostra foresta produce legni di prima classe come abete rosso, abete rosso, pino cembro e naturalmente il pregiato larice. Le latifoglie hanno un ruolo subordinato. Da secoli lo Zirmerhof utilizza il proprio legno. Questo è anche il caso attuale.

Durante la progettazione con l'Arch. Michele De Lucchi nel giugno 2018, abbiamo concordato di costruire con il nostro legno, naturalmente. Avevamo anche già esaminato gli alberi adatti a queste due case durante le passeggiate. All'epoca non potevamo sapere che la tempesta del 29 ottobre 2018 aveva portato a terra circa 3.800 metri cubi nella foresta di Zirmerhof. E nel processo, la proprietà dello Zirmerhof se l'è cavata comunque con poco. Altri agricoltori e comunità forestali hanno dovuto subire danni molto più gravi. I prezzi del legname, anche per le qualità migliori, sono crollati.
Abbiamo colto l'occasione per riservare a queste case il meglio del vento. Una parte è legna da ardere per l'hotel e un'altra è stata presa dal nostro cliente di lunga data "Berti Legnami", proprio qui a Castello die Fiemme. In tempi di crisi è bene potersi fidare l'uno dell'altro. I tronchi dello Zirmerhof hanno così ricevuto un prezzo equo. Sono tra i più ricercati in tutto il mondo.

Perché il legno è così prezioso?
Come parte del ciclo naturale, il legno è il modello di tutto il riciclaggio. Il materiale naturale è facile da lavorare e le costruzioni realizzate con questo materiale ecologico durano più a lungo. Il legno è uno dei materiali utilizzati dall'uomo da più tempo: oltre alla sua facile lavorabilità e ai suoi diversi utilizzi, il legno possiede molte altre proprietà che lo rendono un materiale da costruzione ideale: ad esempio, le sue buone proprietà di isolamento termico, la sua elevata stabilità (alla pressione, alla trazione e alla flessione) e il suo effetto regolatore dell'umidità nell'aria interna. La capacità di carico meccanico del legno è in alcuni casi significativamente superiore alla resistenza dell'acciaio. Inoltre, il legno è disponibile a livello regionale e neutrale dal punto di vista delle emissioni di CO2.